BIO(poco)LOGICA

CHI:
Mi chiamo Marco Mussi e bla bla bla bla bla bla, dopo aver conseguito la laurea in bla bla bla bla…bla bla bla bla bla…bla bla…
SONO:
ossessionato dall’ordine, della precisione, dalla grafica e dalla composizione, ho un forte desiderio di dissacrare il banale della realtà. Prendi un oggetto, un altro, ora un colore, se serve ancora uno, una sensazione, ora metti tutto quanto in una scatola ben chiusa, shakera e magicamente nasce un punto di vista.
Quello che è fuori posto, mi crea disagio, devo spostarlo, o toglierlo.
Elimina il superfluo, o rendilo unico, straordinario.
E’ bello interrogarsi sul nulla e convincersi che in fondo, anche il nulla ha un grandissimo significato, dipende solo da quanto ci si ferma a pensarlo e da quello che ci si vuole vedere. Mi piace il nonsense, l’umorismo malinconico.
Adoro la nebbia, perché non ti obbliga a vedere quel punto lontano dove vuoi arrivare.
Non mi piace quello che mi piace quando non mi piace, e non mi piace che non mi piaccia una cosa che mi piacerebbe mi piacesse.
COSA:
Sono regista e fotografo.